Possiamo aiutarti?

Per qualsiasi informazione sui nostri servizi, per concludere una prenotazione telefonicamente o se hai bisogno di assistenza, lo staff di SOS iPhone è a tua completa disposizione.

Chiamaci al
+39 333.29.22.308

(lun-sab 11.30 - 19.30)

Oppure scrivici a
info@sosiphonemilano.it

SOS iPhone a Milano
Riparazioni rapidissime per il tuo iPhone di qualsiasi modello. In tutta Milano

Display LCD e OLED: scopriamo entrambe le tecnologie su iPhone

Cambia ora il vetro del tuo iPhone! Chiama il 333.22.29.308
Riparazioni iPhone, iPad e Mac a Milano in 30 minuti
Riparazioni per dispositivi Apple ecologiche e sostenibili a MilanoRiparazioni per dispositivi Apple ecologiche e sostenibili a Milano
Devi cambiare il vetro del tuo iPhone VELOCEMENTE?
Contattaci qui, e ti richiameremo noi!
Contattami ora per la tua promozione digital
Che modello di iPhone hai?
Che vetro hai rotto?
CONSENSO OBBLIGATORIO*

*
Questo modulo è protetto contro lo spam da Google Recaptcha

Quest'articolo è stato aggiornato il giorno: sabato 30 ottobre, 2021

Siete possessori di un iPhone ma tra sigle astruse tipo LCD, LED, OLED e QLED non riuscite a capire che display monta il vostro telefono?
Non preoccupatevi!
Leggendo questa pagina scoprirete senza problemi che tecnologia c'è dietro allo schermo del vostro amato iPhone, e come fare in caso di riparazione!
Buona lettura!

Cos'è un display LCD?

LCD è l'acronimo dell'inglese Liquid Crystal Display, ovverosia Display a Cristalli Liquidi.
√ą una tecnologia che sfrutta le propriet√† di particolari cristalli, chiamati cristalli liquidi, in grado di cambiare polarit√† della luce che li attraversa.
In pratica, i cristalli liquidi agiscono come un vero e proprio filtro, permettendo il passaggio o meno di una certa radiazione luminosa a seconda del campo elettrico applicato su di essi.
Datosi che i cristalli liquidi possono passare rapidamente da una fase cristallina a quella liquida, possono perciò essere applicati su una superficie piatta, formando quindi un campo visivo in pochissimo spessore.
Ciò è molto utile per produrre display adatti ad essere installati in oggetti o componenti portatili, come ad esempio i cellulari, i tablet, i notebook od anche gli orologi.

I display LCD sono stati la prima tecnologia consociuta dall'uomo che ha permesso di abbandonare gli ingombranti cannoni catodici per la visualizzazione di immagini elettroniche.
Il loro primo uso pratico risale al 1965, mentre il loro successo commerciale è cominciato a fine anni '70, subendo poi un incredibile aumento di produzione a partire da fine anni '80.
Attualmente sono ancora tantissimi i dispositivi elettronici che montano un display LCD e, sebbene la tecnologia OLED stia prendendo sempre pi√Ļ piede nel mercato, i display a cristalli liquidi sono ancora i pi√Ļ diffusi in ogni ambito, anche per il loro costo ormai molto contenuto.

Informazioni che non sapevi!

La scoperta dei cristalli liquidi non fu opera di un'azienda o un comparto sperimentale aziendale, ma fu una casuale intuizione di un botanico, l'austriaco Friedrich Reinitzer.
Nel 1888, studiando le proprietà del benzoato di colesterile, scoprì che il composto ottenuto poteva variare di colorazione al variare della temperatura, per poi ritornare del colore originario.
La scoperta rimase di nessun uso pratico fino al 1965, quando l'ingegnere statunitense George Heilmeier costruì il primo display a LCD della storia.

Tutti i tipi di LCD

Un LCD riflettivo
Un LCD di tipo riflettivo

Gli LCD non sono tutti uguali, ma si dividono essenzialmente in tre categorie:

  • Display LCD riflettivi;
  • Display LCD trasmissivi;
  • Display LCD transriflettivi

I display LCD riflettivi sono i pi√Ļ semplici da costruire, ed anche quelli pi√Ļ economici.
Il loro funzionamento necessita di una fonte di luce esterna al display, come ad esempio quella solare oppure di una lampada artificiale: la luce dell'ambiente viene riflessa grazie ad uno specchio posto dietro l'LCD stesso e, polarizzata, viene restituita per la visione dell'immagine.
Sono LCD a bassissimo consumo di corrente elettrica, eccezionali ad esempio per essere installati su orologi da polso digitali.
Il loro pi√Ļ grande svantaggio √® che, non avendo una fonte di luce autonoma, non funzionano al buio, oppure in condizioni di scarsit√† di luce.

I display LCD trasmissivi invece hanno un pannello di luce integrato sul retro del display stesso (backlight), che proietta i fotoni attraverso il film di cristalli liquidi, polarizzando quindi i colori.
Il vantaggio di questo tipo di LCD √® che possono operare anche in condizioni di buio totale o scarsit√† di luce, consumando per√≤ molto di pi√Ļ rispetto ad un display LCD riflettivo.
Un altro problema degli LCD trasmissivi è che sotto una forte fonte luminosa, come ad esempio la luce solare, diventano ben poco leggibili.

I display LCD transriflettivi sono stati progettati per superare i limiti dei display trasmittivi, incorporando un pannello specchiante davanti al backlight, in grado sia di far passare i fotoni della lampada che di riflettere quelli provenienti dall'ambiente esterno.
Il risultato cos√¨ ottenuto permette di unire il meglio di LCD riflettivi e trasmittivi, ed √® attualmente la tecnologia pi√Ļ installata in tutti gli LCD presenti sul mercato.

LCD a matrice attiva e passiva

Touchscreen capacitivo
Un pannello LCD di un iPhone 5 con incollato il film digitalizzatore

Tutti gli LCD sono formati da segmenti che formano a loro volta una matrice di pixel, ossia punti d'informazione del colore.
Il segnale elettrico che serve a far polarizzare i singoli pixel proviene da un circuito esterno che nei monitor pi√Ļ semplici √® collegato direttamente ad ogni singolo segmento.
Nei display pi√Ļ complessi, collegare il circuito ad ogni segmento √® fisicamente improponibile, per cui i contatti sono applicati in maniera differente, creando due categorie a seconda della tecnologia scelta: display a matrice passiva o display a matrice attiva.
La scelta dell'una o dell'altra tecnologia cambia drasticamente la qualità e la fluidità di animazione del display, e pertanto è considerata fondamentale e caratterizzante.

Nei display a matrice passiva i contatti elettrici sono applicati non sui singoli pixel ma sulle linee e sulle colonne del segmento.
Questo sistema permette di unire facilmente diversi segmenti senza creare troppa confusione progettuale, ma ha il grande svantaggio che può essere controllato solo un pixel per volta: gli altri pixel delle righe e delle colonne dovranno 'ricordare' il loro stato di colore fino a che non arrivi il loro turno (refresh).
Ciò causa visivamente il noto 'effetto scia' delle immagini in movimento, specie quelle veloci: gli oggetti che si spostano rapidamente sembreranno 'lasciare una scia', visivamente fastidiosa per i nostri occhi.
Anche il contrasto massimo ottenibile da questa tecnologia non è esaltante, e raramente si riesce ad ottenere un punto di nero apprezzabile.
Tali problemi peggiorano all'aumentare della complessità del display, e del suo numero totale di pixel.
I primi display LCD trasmittivi e transflessivi erano tutti a matrice passiva, e con essi erano equipaggiati (ad esempio) il primo Nintendo Gameboy, il Sega Gamegear, tutti i portatili laptop dei primi anni '90 ed anche tutti i cellulari di quel periodo.

I display a matrice attiva invece risolvono il problema del refresh con un componente hardware aggiuntivo, il pannello TFT (Thin Film Transistor).
Come il nome lascia suppore, tale sottilissimo film di condensatori riesce a memorizzare la posizione dei singoli pixel mentre gli altri vengono aggiornati, eliminando la fastidiosa scia delle immagini in movimento ed aumentando moltissimo il contrasto e la nitidezza generale del pannello.
I display a matrice attiva cominciarono ad essere prodotti industrialmente verso la prima metà degli anni '90, ed in pochi anni hanno totalmente soppiantato quelli a matrice passiva.
Attualmente qualsiasi modello di iPhone con schermo LCD monta una tecnologia transflettiva a matrice attiva.

Cos'è un display OLED?

Un display OLED (Organic LED) è uno schermo che, invece che polarizzare la luce di una fonte esterna attraverso i cristalli liquidi, genera direttamente luce colorata grazie alle tecnologia LED (Light Emitting Diode).
Un LED è un componente elettronico molto particolare: in sostanza è un diodo, quindi capace di polarizzare il passaggio di un dato flusso elettronico, ma con la caratteristica di emettere spontaneamente luce.
L'emissione di luce è derivata dal passaggio di elettroni attraverso la giunzione P-N, ovverosia lo stesso fenomeno che fa divenire un componente attivo un transistor: due zone di materiale semiconduttore opportunamente modificato nella struttura molecolare (drogato) sono separate da un sottile strato di ossido, che si assottiglia quando è percorso da un flusso elettronico.

Quando viene raggiunto un dato punto fisico, gli elettroni superano la zona di giunzione passando la barriera d'energia che - teoricamente - non potrebbero superare: è il fenomeno quantistico dell'effetto tunnel, che fa funzionare tutti i diodi ed i transistor.
Nel LED, questo passaggio di elettroni genera un fenomeno specifico: avviene emissione di fotoni, quindi luce.
Inizialmente i LED erano disponibili solo con luce emittente rossa, poi verde: ci vollero molti anni e molta ricerca per arrivare a produrre, a fine anni '80, anche i LED in colorazione blu, completando così la sintesi RGB.
Attualmente, la capacità tecnologica è arriva al punto da poter produrre un piccolissimo componente con tre diodi unificati in rosso, verde e blu, in grado quindi di riprodurre milioni di colori dell'iride.

Come funziona un display OLED?

Un display OLED è essenzialmente uno schermo multi-strato, differente dalla sua controparte LCD non tanto per metodologia costruttiva, ma per principio di funzionamento: nel display OLED la luce viene spontaneamente emessa dai diodi che formano la matrice di pixel, e non c'è bisogno di un pannello backlight.
Un display OLED si chiama 'organico' poiché la struttura dello schermo è fatta di sottilissimi strati di polimero organico ad alto contenuto di carbonio, estremanente flessibile ma resistente.
La matrice dei pixel formata dai diodi viene ricavata direttamente sul film organico, grazie a precisissimi cannoni elettronici, che eseguono dei micro-solchi come se fosse una vera e propria nano-litografia.

L'alto contenuto di carbonio del film dei diodi normalmente dovrebbe far produrre luce bianca, ma è possibile polarizzare i fotoni drogando opportunamente il materiale semiconduttore.
Sono così prodotti tre film con tre matrici di pixel di colore, secondo la sintesi RGB: rosso, verde e blu.
Tali film sono messi tra altri film che servono per permettere il passaggio elettrico e l'immissione degli stessi nelle lacune, concludendo con uno strato riflettente che serve da catodo.
Anche il display OLED è quindi composto da molti strati sovrapposti, e il grado di tecnologia raggiunto è talmente alto che lo spessore totale di un generico display moderno non supera i 300 nanometri.
Il processo costruttivo a sovrappozione è una tecnica relativamente recente: fino a non molti anni fa i display a principio LED usavano invece la tecnica dell'affiancazione, in cui le celle dei singoli pixel erano per l'appunto messe vicine l'una all'altra, e non sovrapposte.

Cos'è un pannello digitalizzatore?

Cambia ora il display rotto al tuo iPhone! Chiama il 333.22.29.308

Un pannello digitalizzatore è uno speciale film trasparente applicato su un display LCD o OLED, con lo scopo di digitalizzare (cioè convertire in un segnale elettrico intelligibile per un computer) la posizione di un dato punto premuto dalle nostre dita sul display.
In pratica, il digitalizzatore - o digitizer, in inglese - serve a 'far capire' alla CPU interna del nostro iPhone in che punto specifico di un matematico piano cartesiano è puntato in nostro dito (od anche una penna digitale).

Il digitalizzatore svolge quindi la stessa funzione del mouse o della trackpad, con la sola differenza che tali dispositivi sono puntatori continui (il cursore è sempre presente sul display), mentre il nostro dito... Decisamente no.
Esistono due tipi di digitalizzatori presenti al momento sul mercato: i digitalizzatori resistivi ed i digitalizzatori capacitivi.
I digitalizzatori resistivi fuzionano secondo il principio della resistenza meccanica: due sottili ed elastici film elettroconduttivi sono posizionati parallelamente tra di loro, con un piccolissimo spessore d'aria a distanziarli.

Touchscreen resistivo
Lo schema di un touchscreen di tipo resistivo

Quando l'utente tocca lo schermo, i due film si toccano, indicando alla CPU l'esatto punto cartesiano, digitalizzando quindi la posizione.
I digitalizzatori capacitivi invece lavorano sul principio della differenza di capacità elettrica: sul pannello digitalizzatore viene fatta scorrere una bassissima tensione elettrica, così bassa che non è percettibile dalla nostra pelle.
Sotto il film in cui scorre la tensione, c'è un altro sottilisimo film formato da piccolissimi condensatori: quando l'utente tocca il display, la sua pelle (conduttiva) crea una differenza di capacità nella tensione elettrica superficiale che scorre per il pannello, che viene quindi subito rilevata dai condensatori, che a loro volta invieranno le coordinate della posizione alla CPU.

Entrambe le soluzioni presentano vantaggi e svantaggi: i pannelli resitivi sono decisamente pi√Ļ robusti di quelli capacitivi, e possono essere usati indifferentemente all'aperto o al chiuso, anche con i guanti o con qualsiasi altro oggetto anche non conduttivo.
Sono quindi utilizzati molto nei totem elettronici e negli sportelli ATM, ed in generale ovunque ci sia bisogno di praticità e robustezza.

Touchscreen capacitivo
Lo schema di un touchscreen di tipo capacitivo

Come svantaggi, i digitalizzatori resistivi sono decisamente pi√Ļ ingombranti e pesanti di quelli capacitivi, hanno un tempo di latenza maggiore e, soprattutto, non possono essere integrati con la tecnologia multitocco.
I digitalizzatori capacitivi sono invece molto pi√Ļ delicati ma anche molto pi√Ļ leggeri, la loro latenza √® molto inferiore e possono implementare senza problemi la tecnologia multitocco.
Soprattutto quest'ultima caratteristica è considerata fondamentale nel campo della telefonia, rendendo di fatto i digitalizzatori capacitivi lo standard per la produzione di display per dispositivi mobili.
Ogni versione di iPhone sinora prodotta, a prescindere dal tipo di display, include un digitalizzatore capacitivo multitouch.

Che differenza c'è di prestazioni tra LCD e OLED?

Borderless iPhone

Essenzialmente, le due tecnologie lavorano con presupposti differenti per ottenere però gli stessi risultati, ovverosia: colori nitidi e ben definiti con display spessi pochi millimetri.
Gli LCD hanno un grave handicap, comparati agli schermi OLED: hanno bisogno di un pannello integrato LED per l'emissione di luce, il backlight, che rende il loro spessore maggiore rispetto agli OLED.
Anche la loro estrema fragilità e l'impossibilità di assumere forme differenti da quella standard rettangolare o la pochissima flessibilità del pannello giocano un ruolo di primo piano nel decretarne la scelta come monitor da installare su un dispositivo estremamente compatto e suscettibile di cadute od urti come l'iPhone.
Dall'altro lato, i monitor LCD presentano una luminosità massima migliore agli OLED, un costo di fabbricazione attualmente ancora molto inferiore e una durata operativa massima decisamente superiore.

Dal canto loro, gli OLED possono essere prodotti in lamine sottilissime, ed anche flessibili; hanno un'eccellente saturazione dei colori, grande contrasto e il loro angolo di visuale pu√≤ arrivare quasi fino ai 90¬į, garantendo quindi una perfetta visibilit√† in pressoch√© ogni circostanza.
Ancora, i pannelli OLED possono virtualmente essere prodotti in qualsiasi forma, anche non perfettamente rettangolare: questo è un vantaggio per gli smartphone di recente costruzione, in cui il design 'borderless' impone schermi sinuosi, spesso arrotondati agli angoli.
Parlando di iPhone, comunque, è bene precisare che il livello di qualità produttiva degli LCD di Apple ha raggiunto altissimi standard: da iPhone 7 in poi, Apple ha implementato la tecnologia 'in-cell' nei propri pannelli LCD, ottenendo un significativo aumento di contrasto e saturazione riducendo al contempo lo spessore ed il peso del display.

Tale sensibile avanzamento tecnologico ha visto il proprio apice con l'avvento di iPhone XR del 2018: per la prima volta nell'elettronica consumer, Apple ha trovato il modo di arrotondare gli angoli di un display LCD senza comprometterne la luminosità periferica, con risultati eccellenti.
Nella vita di tutti i giorni, solo un occhio veramente esperto può quindi accorgersi della differenza tra un display LCD di un iPhone di ultima generazione e un display OLED di un iPhone X o versioni successive.

Ancora confuso? Qui c'è la tabella!

Se non sai dire con esattezza quale tecnologia monta il tuo iPhone, qui c'è una chiara tabella che ti leverà ogni dubbio a riguardo.
La tabella è aggiornata sempre all'ultima versione del telefono prodotta.
Ricordati però di una cosa importante: un conto è il nome commerciale del tuo telefono (ad esempio, iPhone 6), un altro conto è il model number dello stesso.
Il model number è quel codice identificativo differente sia dal codice IMEI e sia dal numero seriale, che identifica il modello generale del telefono.
Lo trovi serigrafato su ogni iPhone, e comincia sempre con una lettera A seguita da quattro cifre.

Siccome identifica un modello di produzione e non un singolo dispositivo, il model number pu√≤ variare da paese di distribuzione ad un altro, quindi possono esserci pi√Ļ modelli totalmente uguali distribuiti per√≤ con un model number differente.
Sempre tornando all'esempio dell'iPhone 6, il suo model number √® A1586 per la distribuzione europea e gran parte di quella mondiale, mentre per quella americana e canadese √® pi√Ļ frequente la A1533.
Anche se il model number cambia, le due distribuzioni sono assolutamente identiche.
Per essere quindi assolutamente sicuro del tuo modello di iPhone, tieni sempre in considerazione il model number e non il nome commerciale.

  Modello Model number Tipo display
iPhone 11 Pro Max iPhone 11 Pro Max A2161
A2218
A2220
OLED
iPhone 11 Pro iPhone 11 Pro A2160
A2215
A2217
OLED
iPhone 11 iPhone 11 A2111
A2221
A2223
LCD
iPhone XR iPhone XR A1984
A2105
A2106
A2108
LCD
iPhone XS Max iPhone XS Max A1921
A2101
A2102
A2104
OLED
iPhone XS iPhone XS A1920
A2097
A2098
A2100
OLED
iPhone X iPhone X

A1865
A1901
A1902

OLED
iPhone 8 iPhone 8

A1863
A1905
A1906

LCD
iPhone 8 Plus iPhone 8 Plus

A1864
A1897
A1898

LCD
iPhone 7 Plus iPhone 7 Plus

A1661
A1784
A1785

LCD
iPhone 7 iPhone 7

A1660
A1778
A1779

LCD
iPhone 6 iPhone 6S Plus

A1634
A1687
A1699

LCD
iPhone 6 iPhone 6S

A1633
A1688
A1700

LCD
iPhone 6 iPhone 6

A1549
A1586

LCD
iPhone 6 Plus iPhone 6 Plus

A1522
A1522
A1524

LCD
iPhone 5S iPhone 5S

A1533
A1457
A1530
A1533
A1453
A1518
A1528
A1530

LCD
iPhone 5C iPhone 5C

A1532
A1507
A1529
A1532
A1456
A1516
A1526
A1529

LCD
iPhone 5 iPhone 5

A1428
A1429
A1442

LCD
iPhone 4S iPhone 4S

A1387
A1431

LCD
iPhone 4 iPhone 4

A1349
A1332

LCD
iPhone 3GS iPhone 3GS

A1325
A1303

LCD
iPhone 3G iPhone 3G

A1324
A1241

LCD
iphone EDGE iPhone

A1203

LCD

Perché il display dell'iPhone si danneggia?

Come ogni cosa esistente in natura, di sintesi o meno, anche il display dell'iPhone può rompersi se gli viene applicata la giusta energia nel punto giusto.
Qualsiasi modello di iPhone, a prescindere dalla natura del display (LCD o OLED che sia) incorpora un vetro di protezione in silicato chiamato Gorilla Glass.
Tale materiale protegge efficacemente il delicato pannello LCD o OLED, rendendone quindi sicuro l'utilizzo giornaliero, ma non vuol dire che il telefono possa subire qualsiasi genere di urto o caduta.
La struttura simil-cristallina del del Gorilla Glass se sollecitata con una quantità eccessiva di energia (come avviene durante una caduta) si crepa: tali crepe possono essere immediatamente vibili oppure sono talmente piccole che non sono osservabili dal nostro occhio.
Le micro-crepe modificano la struttura di tutto il vetro, indebolendolo e creando dei 'canali di passaggio' per qualsiasi altra sollecitazione energetica.
Molte micro-crepe presenti su tutto il vetro, magari formatesi nel corso del tempo e degli urti o cadute (anche di modesta entità), possono così essere messe in contatto tra di loro in qualsiasi momento, anche da una piccola caduta accidentale, spaccando così tutta la struttura.

Un vetro di protezione rotto, oltre che pericoloso per l'incolumità dell'utilizzatore, è una porta d'accesso ad aria e polveri, che possono danneggiare il delicato pannello LCD o OLED dell'iPhone.
In alcuni casi, l'energia della caduta √® talmente elevata che a rompersi non √® solo il vetro di protezione, ma il pannello LCD o OLED stesso: in questo caso, l'immagine a video risulta deformata, disturbata, annerita in pi√Ļ parti o del tutto assente.
Datosi che il sottile film digitalizzatore √® incollato direttamente al display in quasi tutti i modelli di iPhone, un forte urto o caduta a volte pu√≤ danneggiarlo, rendendolo non pi√Ļ funzionale.
In questo caso, l'utente sperimenta l'impossibilità di usare il digitizer normalmente, con aree del display insensibili, poco sensibili o addirittura che immettono impulsi digitali autonomamente, rendendo veramente complicato l'utilizzo dell'iPhone.

Il display dell'iPhone può essere riparato?

I display moderni degli iPhone, siano essi LCD oppure OLED, sono strutture coese, composte da un unico blocco chiamato display assembly.
Il display assembly di un iPhone corrisponde al vetro di protezione unito tramite un adesivo ottico trasparente al pannello LCD o OLED, a cui è stato applicato il film digitalizzatore.
Nei display LCD, il display assembly è completato da un pannello LED per la retroilluminazione (il backlight).
I vari circuiti di controllo della matrice di pixel sono incorporati nel display stesso, che è collegato alla scheda madre per mezzo di cavi flessibili (flex cable).
In molti modelli di iPhone, il display assembly incorpora anche i circuiti passivi della videocamera frontale, dello speaker della microcornetta, del tasto home.

Data la struttura coesa di vetro di protezione, pannello LCD/OLED e digitalizzatore, un danno ad uno qualsiasi di questi tre componenti genera un danneggiamento totale di tutto il display.
Purtroppo, non è possibile riparare un pannello LCD/OLED rotto, così come non è possibile riparare un film digitalizzatore danneggiato.
L'unica soluzione possibile per riportare l'iPhone ad un corretto funzionamento è quella di sostituire tutto il display assembly danneggiato con uno nuovo e funzionante.
Ecco perché non si dovrebbe parlare di 'riparazione' ma di 'sostituzione' del vetro o del diplay rotto.
Detto questo, ora le buone notizie: il costo di sostituzione di un generico display per iPhone è solitamente molto contenuto, e l'intervento è di norma eseguito in breve tempo da un tecnico professionista.
Datosi che il display di un generico dispositivo elettronico √® un puro componente passivo (cio√® √® controllato da altri componenti attivi, come la CPU), √® possibile sostituirlo senza troppi problemi anche pi√Ļ di una volta, senza ripercussioni sull'utilizzo del telefono.

√ą possibile cambiare il display negli iPhone impermeabili?

Alcuni iPhone, come ad esempio i modelli della famiglia iPhone 7, iPhone 8 e iPhone X/XS/XR hanno una certificazione IP67 od IP68, che li rende impermeabili (entro certi limiti) all'acqua e resistenti alle polveri.
Tale impermeabilità è ottenuta attraverso il perfetto incastro strutturale del display alla scocca portante e l'utilizzo di uno specifico biadesivo resistente all'acqua.
La rottura del vetro di protezione fa cessare immediatamente la protezione dall'acqua e dalle polveri, esponendo l'iPhone all'attacco ossidante dei liquidi e dell'aria.

Eventuali deformazioni della scocca ed ammaccature varie degli angoli (anche minime) possono compromettere la giusta aderenza del display assembly alla struttura, rendendolo non pi√Ļ idoneo alla sua certificazione IP.
Il cambio del display in questi modelli si presenta quindi pi√Ļ complesso: √® necessario non solo sostituire il display rotto, ma riposizionare un nuovo biadesivo e regolare la scocca, tramite dimatura, affinch√© sia perfettamente aderente al nuovo modello.
Qualsiasi cambio display di un telefono iPhone con certificazione IP67 o IP68 dovrebbe essere rifinito con un'analisi dell'impermeabilità finale, da eseguirsi preferibilmente con campana sottovuoto.

Consigli sulle batterie Li-poly dell'iPhone
Quindi ricorda che...
  • Il display dell'iPhone pu√≤ essere di due tipi: con tecnologia LCD o con tecnologia OLED;
  • La tecnologia LCD si basa sull'uso di cristalli liquidi in grado di polarizzare una fonte di luce esterna, mentre la tecnologia OLED prevede l'emissione diretta di luce dai diodi LED del display;
  • I display LCD consumano meno energia, sono meno costosi e poco pi√† luminosi degli OLED, che per√≤ risultano pi√Ļ saturi di colore, con pi√Ļ contrasto e possono essere prodotti anche in forme non rettangolari;
  • Tutti gli iPhone con display LCD montano uno schermo a matrice attiva;
  • Il digitalizzatore √® il componente che permette di trasformare in segnale elettrico il tocco delle dita sul display;
  • Tutti gli iPhone montano un digitalizzatore di tipo capacitivo;
  • Con la produzione industriale attuale, LCD/OLED, digitalizzatore e vetro di protezione vengono incollati insieme in una struttura assemblata coesa;
  • Un danneggiamento ad un pannello LCD/OLED, oppure a un altro elemento del display assembly non pu√≤ essere riparato, ma deve essere sostituito tutto il componente;
  • iPhone con certificazione IP67 o IP68 necessitano di trattamento particolare in fase di riparazione, con test impermeabilit√†

Hai bisogno d'aiuto con il display del tuo iPhone a Milano?

Cambia ora il vetro rotto del tuo iPhone! Chiama il 333.22.29.308

Possiamo aiutarti.
A Milano siamo specializzati nell'analisi e nella sostituzione dei vetri e display rotti di iPhone, per qualsiasi modello sinora prodotto.
Possiamo eseguire il cambio del tuo LCD/OLED assembly o vetro protettivo iPhone, senza perdere nessuno dei tuoi dati ed assicurandoti il miglior servizio possibile al miglior prezzo di mercato.
Ogni cambio include inoltre un check-up completo del tuo iPhone, con analisi elettrica e pulizia ed igienizzazione del dispositivo.
Abbiamo sempre disponibili display nuovi per ogni modello di iPhone, e ricordati che, sei hai molta fretta, puoi richiedere il servizio espresso in 30 minuti: serviamo quasi tutte le zone di Milano!
Offriamo solamente servizio in loco in tutta Milano, non abbiamo una sede fisica: ciò ci permette di farti risparmiare i costi e garantirti prezzi e tempi d'intervento eccezionali!
Per richiedere un cambio rapido del vetro rotto del tuo iPhone a Milano, compila il modulo sottostante:

Scrivici, siamo qui per aiutarti!
Contattami ora per la tua promozione digital
Tutti i campi con * sono obbligatori.
Ti risponderemo entro 24 ore per confermare la tua prenotazione con due messaggi automatici:
un SMS ed un'email
Il tuo dispositivo:
Che vetro hai rotto?

Vorresti usufruire della promozione cambio batteria aggiuntivo incluso nel cambio vetro/LCD?
Quando vuoi fare l'intervento?*
Metti la data corretta!
Hai delle preferenze sull'orario d'intervento?

Cercheremo di inviarti il nostro tecnico nell'orario a te pi√Ļ comodo.
Che tipo di intervento richiedi?*
Rapido in 30 minuti
Standard in giornata

Dicci dove dobbiamo venire:

Hai comunicazioni aggiuntive da farci?



Questo modulo è protetto contro lo spam da Google Recaptcha
Se il form ti dà problemi d'invio,
puoi mandarci una mail a
info[at]sosiphonemilano.it
Vuoi prenotare telefonicamente?
I nostri operatori ti aspettano, chiamaci!

SOS iPhone chiamaci!

Preparazione del dispositivo

Prima di portarci il tuo iPhone per l'intervento o di consegnarlo ai nostri tecnici per il ritiro, è necessario che tu esegua i passaggi qui sotto riportati.
Il completamento di tutti i passaggi assicurerà la massima protezione dei tuoi dati sensibili e permetterà al laboratorio di lavorare al meglio e servirti nel minor tempo possibile.
Se il tuo iPhone non si accende pi√Ļ, cerca di completare il maggior numero possibile di passaggi:

  1. Esegui un backup dei tuoi dati
    Se usi iCloud per eseguire la copia di sicurezza periodica dei tuoi dati, collega il tuo iPhone ad una rete Wi-Fi, collegalo alla presa d'alimentazione e poi vai su Impostazioni > ID Apple, iCloud, iTunes e App Store > iCloud > Backup iCloud e tocca "Esegui backup adesso".
    Se usi iTunes per il backup in locale, collega il tuo iPhone al Mac/PC, apri iTunes, vai nella schermata riepilogativa del tuo iPhone e clicca su "Effettua backup adesso";
  2. Rimuovi il codice di blocco dello schermo
    Vai su Impostazioni > Touch ID e codice (solo Codice se non hai un iPhone con la funzionalità Touch ID), immetti il tuo codice di sblocco e poi tocca "Disabilita codice". Metti ancora una volta il tuo codice di sblocco;
  3. Rimuovi Trova il mio iPhone
    Assicurati che il tuo iPhone sia collegato ad una rete dati 3G/4G oppure ad una rete Wi-Fi, quindi vai su Impostazioni > ID Apple, iCloud, iTunes e App Store > iCloud > Trova il mio iPhone e tocca l'interruttore per disattivarlo. Ti verrà richiesta la password del tuo Apple ID, mettila per disattivare Trova il mio iPhone;
  4. Rimuovi qualsiasi bumper, cover o pellicola protettiva del tuo iPhone
    I dispositivi in lavorazione devono entrare il laboratorio senza accessori, custodie o pellicole protettive: rimuovi qualsiasi elemento esterno al telefono prima di consegnarlo per la lavorazione

Ci vuoi seguire sui nostri social?

√ą rapido e veloce: se hai il tuo profilo su uno dei seguenti social network, clicca semplicemente sul logo che ti interessa per aggiungerci ai tuoi amici:

I nostri clienti dicono:
‚ÄüCambiano veramente il vetro dell'iPhone in soli 15 minuti!
Il mio iPhone 6 riparato ad un prezzo mai visto!"
Roberta
‚ÄüNon √® facile trovare questa qualit√† e questa professionalit√† a Milano, e non solo per l'iPhone... Sono veramente contento!‚ÄĚ
Rossano
‚ÄüChiari, onesti, impeccabili: il servizio di sostituzione vetro iPhone che tutti dovrebbero dare, ma che pochi fanno!‚ÄĚ
Pamela
Problemi col tuo iPhone a Milano?
Siamo qui per aiutarti.
Contattaci ora
Riciclo batterie li-poly iPhone
Noi rispettiamo la legge e l'ambiente.
Tutte le batterie ricaricabili al litio contengono metalli, leghe e sostanze altamente tossiche, oltreché infammabili.
Maneggiare senza le opportune precauzioni le batterie esauste, e soprattutto smaltirle in maniera impropria, può causare gravi rischi per la sicurezza, sia del singolo che della collettività.
In Italia, per legge (D.Lgs. 188, datato 20 novembre 2008) è obbligatorio smaltire pile ed accumulatori secondo le disposizioni imposte dal legislatore.
Noi smaltiamo, senza costi aggiuntivi per il cliente, le batterie esauste che cambiamo, differenziandole in sicurezza e portandole nei centri di raccolta e nell'isole ecologiche gestite dall'AMSA nel territorio del Comune di Milano.
Il riciclo ed il recupero del litio degli accumulatori esausti è fondamentale per garantire il minor impatto ambientale possibile, nonché preservare le riserve planetarie del metallo, risparmiando contestualmente energia.
SMALTISCI E CAMBIA IL TUO IPHONE SOLO QUANDO √ą DAVVERO ARRIVATO IL MOMENTO DI FARLO, ED USALO FINO A QUANDO √ą FUNZIONALE: IN QUESTO MODO EVITERAI SOVRAPRODUZIONE, CONSUMO ENERGETICO, CONSUMO DI RISORSE NATURALI E MINIMIZZERAI L'IMPATTO AMBIENTALE.
SIAMO L'ASSISTENZA PER DISPOSITIVI iPHONE A MILANO DI ALTISSIMA QUALITÀ.
Abbiamo oltre dieci anni d'esperienza sull'assistenza hardware per iPhone.
Garantiamo servizi rapidi a prezzi estremamente competitivi, sia per privati che per aziende.
Siamo specializzati nella gestione di parchi macchine Apple per il business, con assistenza sia hardware che software e laboratorio in sede.
Sostituiamo batterie e vetri iPhone velocemente, con la massima qualità e con garanzia sulla riparazione.